RECLAMI

La BANCA CREMASCA E MANTOVANA pone la massima attenzione alla soddisfazione della propria clientela ed all'ascolto delle sue esigenze.

Il cliente, nel caso in cui non abbia trovato soluzione ad un problema rivolgendosi direttamente al personale della Banca, ha il diritto di presentare formale reclamo.

Per presentare un reclamo basta inviarlo in forma scritta, per posta ordinaria o in via elettronica agli indirizzi sotto riportati, ovvero consegnarlo direttamente allo sportello della Banca presso il quale è intrattenuto il rapporto.

Per agevolare la presentazione del reclamo scritto la banca ha predisposto una lettera tipo disponibile anche presso il punto trasparenza presente in ogni filiale.

Recapiti ai quali indirizzare i reclami:

L’ufficio reclami provvede a dare risposta al Cliente entro il termine massimo di 30 giorni per i reclami relativi a servizi bancari e deposito a custodia e/o amministrazione dei titoli.

Qualora il reclamo abbia ad oggetto l’attività assicurativa, l’ufficio reclami provvede a dare risposta al Cliente entro il termine massimo di 45 giorni.

Qualora il reclamo abbia ad oggetto i servizi di investimento, l’ufficio reclami provvede a dare risposta al Cliente entro il termine massimo di 60 giorni.

Nel caso in cui il Cliente non dovesse ritenersi soddisfatto della risposta pervenuta dalla Banca, ha diritto di ricorrere a qualunque forma di risoluzione giudiziale o stragiudiziale della controversia.

 

1. Controversie inerenti operazioni e servizi bancari e finanziari

All'Arbitro Bancario Finanziario (ABF):

i) se l'operazione o il comportamento contestato è successivo alla data dell' 1.1.2009;
ii) nel limite di 100.000 euro se il reclamo comporta la richiesta di una somma di denaro;
iii) senza limiti di importo, in tutti gli altri casi.

L'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un sistema di risoluzione delle controversie che possono sorgere tra i clienti e le banche e gli altri intermediari in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari.

E' un sistema alternativo, più semplice, rapido ed economico rispetto al ricorso al giudice anche perché non prevede la necessità di assistenza legale da parte di un avvocato.

E' un sistema "stragiudiziale" perché la risoluzione delle controversie avviene al di fuori del processo ordinario.

L'ABF è un organismo indipendente e imparziale nei compiti e nelle decisioni, sostenuto nel suo funzionamento dalla Banca d'Italia.

Le decisioni non sono vincolanti come quelle del giudice ma se l'intermediario non le rispetta il suo inadempimento è reso pubblico.

Il cliente può ricorrere all'ABF solo dopo aver cercato di risolvere la controversia inviando un reclamo scritto all'intermediario. Se la decisione dell'ABF è ritenuta non soddisfacente, il cliente, l'intermediario o entrambi possono rivolgersi al giudice.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda ai seguenti siti internet:

 

Al Conciliatore Bancario-Finanziario

Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie – ADR che offre vari modi per affrontare e risolvere le questioni che possono sorgere tra un cliente e una banca o un intermediario finanziario. Mette a disposizione più tipi di servizi con l'obiettivo di concludere in tempi brevi e in modo economico le controversie, senza ricorrere alla magistratura; i servizi offerti sono: 1) Mediazione; 2)Arbitrato.

La mediazione è un modo per risolvere una controversia affidando ad un professionista indipendente e imparziale, il mediatore, il compito di agevolare il raggiungimento di un accordo tra le parti. Gli incontri con i mediatori possono svolgersi - con l'assenso degli interessati - anche attraverso collegamento telematico oppure nel luogo più vicino alle parti.

L’Arbitrato è una procedura diretta a concludere una controversia con l’intervento di un esperto, l’arbitro, cui viene affidato il compito di giudicare. L'Arbitro non è un Giudice ordinario, ma le parti possono stabilire (sia attraverso la clausola compromissoria inserita nel contratto, sia di comune accordo) di sottoporgli la questione riconoscendogli il potere di decidere in merito alla controversia.

Può verificarsi che, nel caso in cui un procedimento di mediazione si concluda senza un accordo, le parti, se vogliono ottenere una decisione in tempi contenuti, possono chiedere al Conciliatore BancarioFinanziario di attivare la procedura di Arbitrato. E' comunque possibile ricorrere all'arbitrato anche se non si è svolto il procedimento di mediazione.

I relativi costi sono riportati nello specifico regolamento della “Camera Arbitrale” consultabile sul sito internet del Conciliatore BancarioFinanziario.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda al sito internet: http://www.conciliatorebancario.it

 

Ad altro organismo specializzato

iscritto nell'apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia. L'elenco degli organismi di mediazione è disponibile su www.giustizia.it 
 

 

2. Controversie inerenti servizi e attività d’investimento

All’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF),

Istituito dalla Consob con la delibera n. 19602 del 4 maggio 2016, è uno strumento di risoluzione delle controversie tra investitori "retail" e intermediari per la violazione degli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza che gli intermediari devono rispettare quando prestano servizi di investimento o il servizio di gestione collettiva del risparmio.

Solo i risparmiatori possono fare ricorso all'ACF, per richieste di risarcimento danni non superiori a 500.000 euro.

Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.acf.consob.it 

 

Ad altro organismo specializzato

iscritto nell'apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia.
L'elenco degli organismi di mediazione è disponibile sul www.giustizia.it

 

3. Controversie inerenti l’intermediazione assicurativa
 

Alle COMPAGNIE ASSICURATIVE - per quanto concerne la gestione del rapporto contrattuale, l’effettività della prestazione, la quantificazione ed erogazione delle somme dovute.

Per maggiori informazioni si possono consultare i siti delle Compagnie Assicurative di prodotto.

All’IVASS – Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni; le informazioni relative alle modalità di presentazione di un reclamo all’IVASS, e la relativa modulistica, sono disponibili su www.ivass.it. Restano esclusi dalla competenza dell’Ivass, le controversie in materia di distribuzione di prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione (polizze ramo III e V), per le quali vale invece la competenza di cui al precedente punto 2) in materia di servizi e attività di investimento.

Ad altro organismo specializzato iscritto nell'apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia.

L'elenco degli organismi di mediazione è disponibile sul sito www.giustizia.it

 

Reclami



ABF - Modulo ricorso

Moduli | 418Kb | Data di pubblicazione: 19/10/2018

https://www.arbitrobancariofinanziario.it/presentare-ricorso/index.html



ACF - Regolamento

Regolamenti | 382Kb | Data di pubblicazione: 01/02/2019

https://www.acf.consob.it/ricorso/quando-come-fare-ricorso